* campo obbligatorio

Funzionamento della cartuccia laser

Di seguito in 7 passaggi viene spiegato il funzionamento della cartuccia laser.

 

FASE I - Caricamento della polvere di toner

Il processo di stampa ha inizio mediante il caricamento elettrostatico del Drum attraverso il PCR (Primary Charger Roller). Un costante flusso di corrente proveniente dal PCR genera uno strato di carica negativa sulla superficie fotosensibile del Drum, che permetterà il successivo processo di deposito delle particelle di polvere di toner.

 

 

 

FASE II - Esposizione del Drum al Raggio laser

Una volta caricata uniformemente la superficie del Drum, il Raggio laser scansiona sulla sua superficie le zone dove il toner non dovrà essere depositato, togliendo le cariche elettrostatiche negative. Mediante questo processo, nella fase successiva di sviluppo, si otterrà sulla superficie del Drum un’immagine latente (Latency imaging) che funge da negativo dell’immagine da stampare.

 

 

 

FASE III - Sviluppo dell’immagine di stampa

Il Rullo magnetico (Magnetic Roller) ha il compito di attrarre a sè le particelle di polvere di toner e depositarle sulla superficie del Drum in cui è impressa l’immagine latente. La lama dosatrice (Doctor blade) interviene per uniformare il deposito delle particelle di polvere di toner sulla superficie del rullo magnetico, eliminando lo strato di particelle superflue.

 

 

 

FASE IV - Trasferimento dell’immagine su foglio

In questa fase avviene il trasferimento sul foglio di carta delle particelle di polvere di toner. Ciò è possibile mediante il caricamento elettropositivo del foglio da parte del rullo di trasferimento (Transfer Roller). Il foglio caricato positivamente attrae a sè le particelle di polvere di toner caricate negativamente nel predente processo di sviluppo, generando così l’immagine da stampare.

 

 

 

FASE V - Fusione

Il processo di fusione permette la perfetta adesione delle particelle di toner depositatesi sul foglio di carta. Mediante il passaggio del foglio attraverso quella zona della stampante chiamata più comunemente “forno di cottura”, dove vi sono il rullo fusore o Fuser Roller (caldo) ed il rullo pressore o Pressure Roller, avviene il fissaggio definitivo delle particelle di polvere di toner sul foglio di carta (la stampa vera e propria).

 

 

 

FASE VI - Pulizia

Durante la fase di stampa non tutto il toner depositato sulla superficie del Drum viene trasferito sul foglio. La lama di pulizia (Wiper Blade) ha l’incarico di pulire il Drum dal toner in eccesso, veicolandolo in un apposito serbatoio di scarto (Waste Bin). Un’ulteriore lama detta “di recupero” (Recovery Blade) ha il compito di impedire alle particelle di toner residue di cadere anteriormente al Drum e quindi di fuoriuscire dalla cartuccia.

 

 

 

FASE VII - Cancellazione

Dopo che la lama di pulizia (Wiper Blade) ha rimosso il toner residuo dalla superficie del Drum, occorre cancellare le tracce di cariche elettronegative residue ancora presenti sulla sua superficie. La procedura è contemporanea alla Fase I dove il PCR, mediante il passaggio di corrente al suo interno, genera uno strato di carica elettronegativa sulla superficie fotosensibile del Drum, che permetterà il successivo processo di deposito delle particelle di polvere di toner.